I Conti

I Conti, duchi di Poli e Marchesi di Guadagnolo. Perchè, tra le tante famiglie nobiliari di Roma, ho scelto proprio questa ? Chi mi conosce, risponderebbe con ovvio…

Sono i feudatari di dove i tuoi hanno la casa delle vacanze… Sei cresciuto tra le loro memorie e le loro rovine.

Sì, è anche questo, ma in verità ci sono motivi meno istintivi e più razionali. Quella famiglia, discendente dalla gens Anicia e dai Conti di Tuscolo, riflette alla perfezione la storia di Roma.

La loro vicenda è stata una continua, fallimentare, eroica lotta contro la decadenza. Sono stati papi, cardinali, capitani di ventura.

Ma nonostante tutti i loro sforzi, la loro vicenda si conclude con il pavido Michelangelo che muore di crepacuore dopo che i francesi gli avevano occupato il palazzo…

Nel romanzo, ho deciso di dar loro una nuova possibilità… Immaginando che Michelangelo abbia più carattere e riesca a guidare i sanfedisti contro Napoleone, ottenendo così la nomina a Principe di Tivoli, e che abbia dei figli.

Nel Principe Padre, Torquato III Conti, vi sono pregi e difetti della famiglia, come l’audacia, l’amore per la tecnologia, l’avidità.

Altri, come l’amore per l’arte o l’indolenza, vivono in Andrea. E nel loro contrasto si riflettono luci e ombre di secoli di vite, sogni e disillusioni.

4 pensieri su “I Conti

  1. Pingback: The Counts | ilcantooscuro

  2. Pingback: Il cuore di Athanasius | ilcantooscuro

  3. Pingback: Prima stesura Lithica | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...