Quello che (non) ho

Ieri sera non sono riuscito a finire di Quello che (non) ho, più per la stanchezza del giorno, che per noia.

A dire il vero, ho trovato il tutto discontinuo: a degli interventi, come quelli di Saviano e di Avati, che hanno rappresentato l’irruzione del Reale nel Mondo, di tutto ciò che distrugge le certezze a cui ci aggrappiamo per sopravvivere al Quotidiano, si sono alternati altri, celebrazione cortigiana dell’intellettualume più bieco.

Sono state le frasi fatte e le parole logore a indurmi allo sbadiglio. Detta tutta, ogni volta che guardavo Fazio, mi tornava in mente un brano del romanzo d’esordio dello scrittore cinese Han Han

Il signor Lin amava i libri più della vita, peccato che amasse solo l’oggetto libro e non la lettura. In casa aveva migliaia di volumi, giusto per far figura, perchè in genere non venivano toccati.

Se qualcuno sta a lungo in un cesso, finisce per puzzare di piscio, per analogia, se si vive circondati dai libri, alla lunga si emana cultura

2 pensieri su “Quello che (non) ho

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...