Baviera

In Italia, quando si discute di federalismo fiscale, si cita il caso tedesco come esempio.

In pratica, un presidente dei Länder tedeschi può intrecciare relazioni politico-economiche con altri Paesi e regioni, senza passare da Berlino. Può andare direttamente a chiedere prestiti a banche, pur non essendoci titoli di Stato di Länder tedeschi, senza passare per Berlino.

Stabilisce il budget per la pubblica istruzione, per la ricerca, per lo Stato sociale, per parti dell’infrastruttura. Ha anche la disponibilità finanziaria, dato che nessun Land versa il totale delle sue tasse direttamente a Berlino.

Ovviamente, questo aiuta Berlino a ripulire il suoi bilancio statale, scaricando parte delle passività sui Länder, facendo apparire la sua finanza più virtuosa di quello che è in realtà e drogando i mercati.

Visto così, però questo sistema ha un grosso baco: sembrerebbe non impedire ai Lombardo di turno, per citare il caso della regione Sicilia, di fare enormi danni alle finanze locali.

Per evitare questo, ogni Land fa la propria legge finanziaria, basata sulle proprie risorse, senza contare su un vaglia automatico da altri Länder. Se la somma dei debiti previsti supera quella degli investimenti previsti, la finanziaria è anticostituzionale, anche se il parlamento regionale (Landtag) l’ha approvata con grande maggioranza.

Esiste poi un altro filtro: le leggi finanziarie dei vari Länder vengono, poi, presentate alla camera delle regioni (Bundesrat), composta dai presidenti e vicepresidenti di tutti i Länder.

Che succede se, nonostante tutto, qualche Länder ha qualche problema finanziario ? Questi chiedono formalmente aiuto agli altri Länder, che dispongono di eccedenze fiscali, cioè che hanno incassato più tasse di quelle previste nella propria legge finanziaria. Con questa richiesta si innesca un meccanismo di revisione dei bilanci e delle leggi finanziarie, nel quale i Länder che aiutano (Nettozahler) esaminano anche ulteriori possibilità di risparmio da parte dei Länder che ricevono aiuti (Nettoempfänger).

E ciò implica anche un blocco all’indebitamento da parte dei Länder meno virtuosi. Se ci pensate bene, è lo stesso meccanismo che la Merkel ha voluto implementare in Europa.

Tutto ideale ? Non proprio, perchè già in condizioni normali, il sud della Germania, specialmente la Baviera, mantiene il nord e l’est….

Negli ultimi due anni, la situazione si è ulteriormente sbilanciata, perchè da una parte la condizione finanziaria dei Länder più poveri è ulteriormente peggiorata, dall’altra perchè la Baviera ha le casse piene di titoli ad altro rischio che potrebbero dissestarle il bilancio.

Quindi, a Monaco ritengono prioritario accumulare risorse per salvarsi da una potenziale tempesta finanziaria, che essere solidali con gli altri tedeschi…. Di conseguenza non vuole pagare sussidi per altri laender tedeschi in difficoltà, a partire dall’area metropolitana di Berlino.

Ovviamente, è inutile spiegare ai tedeschi la questione del dilemma del prigioniero…  L’unico lato positivo della questione è che potrebbe far riflettere la Merkel sugli effetti della sua politica europea…. Ma si può tirar fuori sangue da una rapa ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...