Concerto doppio

In illo tempore, provai a scrivere un racconto a quattro mani con una mia amica. Venne fuori un’illeggibile ciofeca.

Perchè è difficile raggiungere un’armonia superiore quando idee e visioni della vita si contrappongono.

Per questa esperienza, ho grande ammirazione per le opere a quattro mani di Silvia Faieta e Natascia Raffio, in cui i loro stili si contaminano, arricchendosi a vicenda.

Il miracolo nasce forse dalla comune consapevolezza che per andare avanti in quel drammatico caos chiamato Vita, bisogna avere quelle rare doti chiamate ironia e disincanto.

Apprezzare ciò che si ha, nella consapevolezza che è transitorio e che prima o poi dovremo distaccarcene senza rimpianti. Essere consapevoli dei propri limiti e di quelli dei propri compagni di viaggio, da cui accettare con entusiasmo ciò che possono donarci, senza pretendere di più. Non perdere mai la volontà di sognare e rendere concreto ciò che ci accompagna ogni notte.

Ironia e disincanto che vivono in due forme e complementari: nel labirinto di segni, vitali e feroci come i capelli di Medusa, di Silvia e nelle maschere di Natascia, specchio di quel teatro che è il mondo, con i ruoli affidati a caso da un regista distratto.

Ogni volta che vedo le opere figlie del loro duplice ingegno, ho un’epifania, in cui mi tornano i menti quei vecchi versi di Yeat

Vivevamo soltanto ove s’indossa la casacca del buffone:
Tutti mutati, interamente mutati.
Una bellezza terribile è nata.

3 pensieri su “Concerto doppio

  1. Pingback: Prime segnalazioni 2014 | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...