Caligola

Caligola era matto ? Che domanda sciocca, mi potreste rispondere… Era fuori come un balcone. Uno che fa senatore un cavallo e porta le legioni a raccogliere le conchiglie lungo le spiagge della manica, non ce l’ha mica tutte.

Ora, pur ammettendo che Gaio non potesse essere proprio il massimo dell’equilibrio, d’altra parte provateci voi a non diventare un poco paranoici con la famiglia sterminata, con cognati che vogliono farvi la pelle e a crescere con un misantropo come Tiberio, è possibile dare una chiave di lettura.

Caligola era un uomo intelligente e colto. Le tragedie famigliari lo avevo portato a riflettere sui limiti del compromesso augusteo. Una classe senatoriale incapace di fornire amministratori preparati, servile e orientata a difendere, con la scusa della nostalgia della libertà repubblicana, essenzialmente i suoi interessi di classe.

La difficoltà, nonostante la propaganda, a integrare e far identificare la globalità della popolazione con la compagine statale.

Gaio, che discendeva da parte di nonna paterna da Marco Antonio, decide di proporre una soluzione alternativa, ispirata alla monarchia egizia.

Il centro dello Stato è il Princeps, divinizzato, garante della legge e della giustizia cosmica. Tutti i suoi gesti, dal rapporto con la sorella alle integrazione dei templi nel palazzo reale, dalla costruzione dei Thalamegos di Nemi a quella del ponte di barche di Capri, è interpretabile in quest’ottica faraonica.

Soluzione che ovviamente si scontra con la posizione della nobiltà senatoriale, con cui Caligola cerca prima un compromesso, poi va allo scontro frontale, e che è inconciliabile con le posizioni teologiche delle comunità ebraiche, che mostrano i primi segni di insofferenza.

Soluzione che per realizzarsi, doveva avere un contesto di pace sociale: da questo punto di vista, la politica di Gaio è in linea con quella di Tiberio.

Quindi abbiamo il buon vicinato con i Parti, con cui sono risolte delle dispute territoriali, l’annessione della Mauritania, il cui re Tolomeo, oltre che a complottare contro Caligola, poteva mettere in discussione la sua pretesa di essere l’erede della tradizione faraonica, la repressione della rivolta di Getulico in Germania e la campagna contro le tribù ribelli del Reno e la questione britannica.

E’ possibile, dato che le navi celte erano come conchylae, che l’ordine di raccogliere le conchiglie ai legionari fosse stato frainteso da Svetonio e che indicasse invece un’azione di repressione della pirateria britannica.

Purtroppo per Caligola, le sue idee erano in anticipo di due o tre secoli: per questo non solo fu sconfitto, ma ai suoi gesti fu data una chiave di lettura denigratoria

Annunci

3 thoughts on “Caligola

  1. Pingback: Caligola il costruttore | ilcantooscuro

  2. Pingback: Eliogabalo | ilcantooscuro

  3. Pingback: Cleopatra Esquilina | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...