Paradiso, paradiso, preferisco il Paradiso

Non sono un buon cattolico, benchè abbia tanti amici tra preti e seminaristi che, tra l’altro, hanno quasi perso le speranze sul mio tornare sulla retta via: al ritorno da viaggi e pellegrinaggi, agli parrocchiani portano santini e rosari, a me dolci e liquori.

Potrò entrare nel Regno dei Cieli soltanto in caso di sanatorie, condoni tombali o amnistie.

Anche se non ho avuto particolare empatia per Benedetto XVI, però ho sempre rispettato la sua statura intellettuale.

Ieri, però, mi ha commosso. Perchè mi ha fatto tenerezza trovarmi davanti un vecchio debole e fragile, non lo so perchè, ma mi ha fatto tornare in mente mio nonno.

Perchè ne ho ammirato il coraggio: ce ne vuole tanto per ammettere i propri limiti e per farsi da parte, in un mondo in cui l’attaccamento al Potere e alle cose sembra essere diventato l’unica regola di vita.

Non so se il gesto di Benedetto XVI cambierà la Chiesa, rendendo il vescovo di Roma simile agli altri, che ad una certa età si ritirano, favorendo il ricambio generazionale.

So solo che più di tante encicliche e prediche, mi ha dato una lezione di vita…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...