L’Uomo a un grado Kelvin

Con un colpevole ritardo, parlo de L’uomo a un grado Kelvin di Piero Schiavo Campo, il premio Urania di quest’anno.

Sgombro subito il campo dagli equivoci. Ho letto il libro tutto di un fiato.

Sarei bugiardo se dicessi che è una pietra miliare della fantascienza: ma è un’opera che diverte, fa divertire e interessa, avvicinando il lettore medio italiano ad argomenti esotici come la meccanica quantistica e la teoria delle stringe, facendolo con garbo e leggerezza.

L’unica obiezione, molto soggettiva, che mi sento di fare all’opera è che forse l’assassino si capisce troppo presto, ma per il resto, il meccanismo narrativo e ben oliato.

Detto, questo dico la mia su alcune critiche che ho letto sui vari blog

1) Troppo esterofilo: è un libro pieno di speranza sull’Europa. Benchè io la pensi diversamente, tra qualche mese uscirà un racconto su tale argomento, Schiavo Campo ha fatto bene, partendo da questo presupposto, a a dare un respiro internazionale al romanzo

2) Troppi tecnicismi: diavolo, i coprotagonisti sono fisici e parte della vicenda si svolge in un laboratorio. Cosa pretendete ? Mi pare la stessa obiezione fatta al protagonista de Il Canto Oscuro…. Un professore universitario mica parla soltanto di briscola e tressette !

3) Troppo infodump: la solita contraddizione dei blogger italiani. Da una parte si lamentano se la descrizione del mondo in cui è ambientata la vicenda è poco dettagliata. Poi, se qualcuno fa il contrario, subito a strapparsi le vesti

4) Fantascienza vintage: sicuramente L’uomo a un grado Kelvin è un’opera “neoclassica”, per quello che può significare nell’ambito fantascientifico; secondo la lettura, assai personale, che do io al termine, è dedicata alla rappresentazione del mondo pre-singolarità, ossia prima della mutazione antropologica indotta dalla fusione tra l’Uomo e la Macchina.

Un mondo in cui vale l’assunto

Non aspettatevi troppo dalla fine del Mondo

ossia in cui, in forma differente, i problemi che deve affrontare l’Uomo sono sempre gli stessi. perchè connessi alla sua natura biologica

Però, a volte non è male mantenere lo stupore delle origini…

Dopo tutte queste chiacchiere, la conclusione è: se vi capita leggetelo, non rimarrete delusi

Annunci

One thought on “L’Uomo a un grado Kelvin

  1. Pingback: Ancora sui generi letterari | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...