Aspettando il tram

munch

 

Nel mezzo del cammin di nostra vita
così narrava un vecchio e trito poeta
che tanto mi annoiava nei lenti giorni
che mi arenavo pigro nella scuola

Senza accorgermi di nulla improvvisa
giunta è l’età di cui si lamentava
così mi ritrovo al freddo aspettando
un tram sferragliante nell’alba stanca
di recitare ogni giorno commedie
che non fan più sorridere nessuno

Tarda la luce nel bar del cinese
con un vecchio travestito che aspetta
nella città che nasce caffè e sogni

Barboni incerti frugano rifiuti
grigi e inerti come in un quadro di Munch
gridando silenziosi nella luce.

Ora attendo il futuro spaventato
più dall’indifferenza quotidiana
che dall’aspettare la morte in vita

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...