The NolaEastman Series

NOLA

 

Con l’avvicinarsi del Photofestival Milano, la galleria AREA35 Art Factory, il cui proprietario, ricordiamolo è un gran fotografo, inaugura una serie di interessanti mostre a tema.

La prima, Giovedì 22 maggio 2014, alle ore 18.30

“the NolaEastman Series” mostra di Niccolò Alberici, fotografo e scrittore o meglio un esploratore dello spirito che viaggia nel Mondo per scoprire se stesso. Così le sue foto divengono un diario spirituale, uno zibaldone di dubbi e mutamenti

E New Orleans, a cui è dedicata la personale, città ambigua e complessa, confine tra il vecchio e nuovo, incerta tra fantascienza e innovazione, dove le ligue si confondono come in una eterna Babele, partorendo sempre qualcosa di nuovo, è perfetto specchio dell’animo umano….

Comunquel lascio la parola ad Alberici, capace molto meglio di me di narrare il suo progetto

Quasi ogni anno mi reco negli Stati Uniti ed ogni volta che sbarco oltreoceano ho una promessa o se vogliamo un debito: devo passare del tempo a New Orleans.
C’è una parola che dà il senso di tutto quello che New Orleans sia: N.O.L.A.

Questa abbreviazione, tipica di una certa praticità americana, non è nient’altro che l’unione di due acronimi: N.O. (New Orleans) e L.A. (Louisiana).

Queste quattro lettere puntate per uno straniero, per di più se semplice turista che si reca a New Orleans per fare baldoria nella tanto famosa Bourbon Street, non significano un granché, di sicuro.

Nella parola N.O.L.A. sta il senso della città, la città vera con i suoi cittadini che abitano e vivono nei confini della piccola metropoli della Louisiana.

In questa serie sono presenti scatti realizzati un anno fa con un corpo Nikon Fe del 1978 ed un ottica fissa 20 mm. La pellicola è la Eastman Double-X 35 mm a media sensibilità, 250 asa.

Essa si differenzia dalle pellicole tradizionali per applicazioni generali, quali le 400 asa di altri noti produttori, che a fronte di una grande affidabilità pagano una sostanziale uniformità del soggetto ripreso.

La pellicola utilizzata in questa serie, per di più se condotta in una modalità privilegiante la tempistica, fornisce, sia in fase di sviluppo del negativo &d ancor di più in camera oscura e stampa, una notevole differenziazione di tonalità di contrasti. Queste caratteristiche sono rese possibili dal fatto che è stata progettata &d utilizzata per il cinema al fine di ottenere e mantenere un’ampia profondità di campo, stabilità delle componenti strutturali dell’immagine facendole risaltare nella presenza dei contrasti.

Tralasciando i dettagli tecnici, questa serie è stato pensata e realizzata per raccontare New Orleans: a tal fine ho scelto i veicoli espressivi della scrittura e della fotografia.
Si ritrovano la vita per le strade, negli infiniti bar del french quarter e non solo, che poi sono luoghi d’incontro, di conversazione e condivisione, dove anche uno straniero può entrare in contatto con le varie anime delle diverse comunità &ediventare quello che loro definiscono con il termine inglese un “local”, vocabolo che ha un significato molto più pregnante rispetto a come lo traduciamo nella nostra lingua: io suggerirei di tradurlo con la parola indigeno, non con locale.
New Orleans è una di quelle città che con la sua storia, con la sua gente – il suo fortissimo ascendente europeo di estrazione francese, spagnola, inglese, italiana, tedesca, irlandese, scozzese, portoghese etc. – con le sue tradizioni, i suoi culti, con la sua debordante musica onnipresente sia a livello dilettantistico e turistico sia di grande qualità e spessore, con i suoi colori contrastati, con le piaghe continue a cui è stata sottoposta nei secoli – dalla battaglia del 1862 durante la guerra civile al passaggio dell’ ingorda madre omicida passata alle cronache con il nome di katrina – con il suo passato di alti e bassi, riesce a diventare un luogo della mente.
E’ una città sia di passaggio sia di ricovero, magari per gente che dall’Europa vuole iniziare una nuova vita o vuole sposare lo stile di vita americano, tenendo conto che Nola non è un posto qualsiasi sul territorio degli Stati Uniti: essa è più un’eccezione, è un’isola che galleggia, un qualcosa che di per sé sta in piedi con proprie regole; non è rapportabile alle grandi metropoli della East Coast, nè con quelle del Midwest, nè con quelle della West Coast e tantomeno con i piccoli centri dell’America rurale o industriale.

Di fatto è un agglomerato stratificato di quelle parti geografiche degli Stati Uniti che ho appena citato nelle righe precedenti e di ondate migratorie provenienti in maggior parte dall’Europa.

New Orleans, Proud to call it Home.
AREA35 Artfactory Via Vigevano, 35 20144 Milano. (MI)
Tel +393393916899

info@area35artfactory.com –

http://www.area35artfactory.com

Annunci

One thought on “The NolaEastman Series

  1. Pingback: La resa di Bucefalo | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...