Solidarietà a Roma fa Schifo

Ogni tanto, anche se a malincuore, mi tocca mettere bocca sulle vicende della politica romana.

Come sapete, i conti del Campidoglio se la passano maluccio: nel tentativo di farli quadrare, il sindaco Marino ha lanciato un programma di aumento delle tasse e di taglio delle spese.

Programma che dopo le polemiche sul concerto dei Rolling Stones a Circo Massimo, prevede anche l’aumento della tassa di occupazione di suolo pubblico, anche la categoria dei camion bar, considerati tra i principali elementi di degrado paesaggistico del Centro Storico.

I camion bar pagano attuale 3 euro di tasse per i camion-bar. Il Sindaco Marino voleva portarle a 30: il che per me è sempre poco, però è il principio quello che conta.

Ma a quanto pare il PD non è stato d’accordo: copio incollo da una loro nota

Con l’approvazione in aula Giulio Cesare dell’emendamento della commissione Commercio che aumenta la tariffa Osp si segna un punto di svolta. Le misure adottate dall’Assemblea capitolina non hanno ricalcato pedissequamente le indicazioni della delibera di Giunta perché applicare indiscriminatamente gli aumenti programmati – a prescindere dal reale valore economico e commerciale dei diversi quadranti e zone della città, e all’interno delle stesse – si sarebbe rivelata una operazione miope e non equa”. Lo dichiarano in una nota congiunta i presidenti dei gruppi di maggioranza in Assemblea capitolina, Francesco D’Ausilio (Pd), Luca Giansanti (Lista Marino), Gianluca Peciola (Sel), Massimo Caprari (Cd) e il coordinatore della maggioranza in Campidoglio, Fabrizio Panecaldo.

Per farla breve, hanno ridotto la tassa a 10,5 euro al giorno. Sarebbe interessante chiedere ai consiglieri di maggioranza del perchè non si siano posti il problema di equità relativamente alla TASI dell’Esquilino, oppure quando si sono tagliati gli stanziamenti a favore dell’assistenza agli anziani e ai bambini handicappati, oppure al consigliere D’Ausilio come questa scelta si collochi in relazione alle sue giuste dichiarazioni sulla lotta contro il degrado, ma il problema è un altro.

Tra i siti che hanno segnalato notizia, vi è stato il blog Roma Fa Schifo, esagerando forse con i toni.

In un paese civile, però, dove Democratico non è un’etichetta da attaccare a un prodotto politico, per fare marketing, ma implica il continuo controllo degli eletti sugli elettori, il PD si sarebbe preso le sue responsabilità politiche, spiegando il perché di questa scelta, diradando sospetti e convincendo i cittadini delle sue buone ragioni.

Invece, a quanto pare, non ha intenzione di fare nulla di questo; la strada scelta sembra essere quella della querela, per fare tacere una voce dissenziente.

Il che lascia estremamente perplessi…

P.S. sembra che il PD voglia fare qualcosa del genere, ossia diminuire le tasse di concessione proposte dalla giunta, anche per i cartelloni pubblicitari… Della serie errare è umano, ma perseverare è diabolico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...