Empire

Un pomeriggio uggioso a Milano, con una pioggerellina sottile che entra nelle ossa, un freddo pungente e i treni che si perdono nella nebbia: un’atmosfera degna di un romanzo vittoriano.

Bighellono per la Stazione Centrale, in attesa che Trenitalia risolva un problema che mi ha coinvolto. Entro da Feltrinelli. Uno sguardo di sconforto sullo scaffale dedicato alla Fantascienza, povero e banale, poi mi butto nel settore fumetti. Mi cade l’occhio su Empire, dell’ Editoriale Cosmo, con testi di Pecau e disegni di Kordey.

Dato che è un fumetto steampunk e il Freccia Rossa sembra essersi perso in un universo parallelo, decido di comprarlo, per ammazzare il Tempo. E alla fine sono soddisfatto.

Empire è divertente, visionario, fracassone, ricco di citazioni, che strizzano l’occhio alla letteratura colta, mischiandola con quella popolare (anche se ci sono diverse imprecisioni: saltano subito all’occhio quelle su Mary Wollstonecraft Godwin e su Babbage… Ma non cerchiamo il pelo nell’uovo)… Il limite, a livello di trama, è forse quello di voler mettere troppa carne al fuoco. Forse, se l’opera avesse avuto un respiro più ampio di tre volumi, la leggibilità ne avrebbe guadagnato…

A livelli di disegni, invece, tanto di cappello a Cordey: le tavole, ricche di dettaglio, veramente danno immagine a un mondo parallelo…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...