Narrare il futuro ?

wpid-Steampunk-Wallpaper-213

 

Il post su Verne, ha aperto un interessante dibattito sul perchè in Italia si preferisce reinventare il Passato, invece che raccontare il Futuro. Il primo a intervenire è Davide del Popolo Riolo

Ci sarebbe da chiedersi come mai molti di noi, che provano a scribacchiare fs in Italia (e scribacchiare lo dico per me, naturalmente), amano reinventare il passato, più che immaginare il futuro, ed usano spesso citazioni, personaggi d’altre opere, rimandi e strizzatine d’occhio. E’ una questione che pongo a me stesso, in primo luogo. Non credo proprio sia mancanza di fantasia, no. Forse non siamo più capaci di sperare nel futuro, e allora ci rifugiamo nel passato, e nelle opere del passato, che ci rassicurano? Forse pensiamo che ormai tutto è già stato scritto, e non ci rimane che rielaborare e rimaneggiare, senza la speranza di essere davvero originali? Forse abbiamo letto troppo, e questo in qualche modo ci opprime? E’ perché siamo postmoderni? Tu che dici, Alessio, è soltanto un’impressione, la mia?

Condivido molto della sua posizione: da una parte l’Italia è una società ripiegata in se stessa, impaurita, che ha perso la volontà di sperare. E questo non si ripercuote solo nella Fantascienza, in cui anche chi si dedica al Futuro, non riesce ad andare oltre a distopie più o meno cupe, ma in generale in tutta la Cultura… Da quanto non nasce un’avanguardia sensata ? In un modo o nell’altro è più di un secolo che viviamo a spese del futurismo e dei suoi epigoni.

Importante è anche la questione postmoderna: in una visione culturale in cui Passato e Futuro si perdono in un Presente indefinito, in cui si vive di citazioni, non cambia nulla purtroppo dove si volge lo sguardo.

Anche Marco Ajello ha dato il suo contributo

Del passato conosciamo tutti i meccanismi avvenuti. possiamo raccontare una storia sapendo cosa accde prima e dopo di essa. se ci si accinge a raccontare il futuro bisogna capire lo scopo: 1) fare dibattiti filosofici alla luce dei migliormenti tecnici? 2) far vedere come cambiano le relazioni umani nel futuro?

In realtà, nel retrofuturismo, non ci limita a raccontare il Passato, come nel romanzo storico, ma lo si ricrea, in una sorta di esperimento mentale, portando indietro nel Tempo, invece che avanti le Singolarità.

E ciò costringe a ripensare il rapporto tra tecnica e umano, in maniera analoga alla fantascienza tradizionale.

Il problema è quanto, nell’ottica della teoria del Caos, che vede la società umana come un sistema caratterizzato dalla forte dipendenza puntuale dalle condizioni iniziali (il cosiddetto effetto farfalla) e dall’indipendenza complessiva dalle stesse condizioni iniziali (l’evoluzione del sistema sarà sempre vincolata nello spazio delle fasi dai suoi attrattori strani), il risultato complessivo sia diverso dal mondo in cui viviamo ogni giorno.

Annunci

One thought on “Narrare il futuro ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...