Io non mi faccio fregare all’Esquilino

io-non-mi-lascio-fregare-8

Pochi ormai se ne ricordano, ma il 19 novembre 2015, a Verona, è avvenuto uno dei più gravi attacchi alla nostra memoria e al nostro futuro: presso il Museo Civico di Castelvecchio sono state trafugate 17 opere di grandissimo valore: Tintoretto, Mantegna, Rubens..

Mi ricordo l’emozione che provai, una decina di anni fa, quando andai a vederle… E ancora sono atterrito dall’idea che ladri senza scrupoli abbiano agito indisturbati per un’ora e mezza, schifato dalle parole di circostanza dei media e dell’ignavia delle istituzioni, che dopo un paio di giorni o poco più di finta indignazione, hanno fatto cadere tutto nel dimenticatoio.

Sentimenti che sono condivisi dal progetto Io Non mi lascio Fregare, che per tenere alta l’attenzione su questo scandalo italiano, ha lanciato un’idea geniale: far adottare agli street artist le opere rubate, realizzando un murales, un poster o un’installazione capace di reinterpretarle in chiave contemporanea, riempiendo i non luoghi delle nostre città, in modo che non si perda il ricordo di ciò che è avvenuto.

L’unico vincolo è che l’opera sia realizzata in maniera anonima, perchè ciò che conta non è la firma, la vanità dell’artefice, ma il riflesso dell’assenza.

Anche l’Esquilino, rione che ha l’ambizione di trovare nella street art uno strumento di riqualificazione urbana e una fucina di dialogo e integrazione è diventato scenario di questa iniziativa.

Nei pressi di Binario 95, infatti, vi è una delle installazioni del progetto, un esempio di poster art che celebra e ricorda il Paesaggio di Hans De Jode

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...