Il faut cultiver notre jardin

candido

Per caso, qualche giorno fa, ho incrociato un tizio con cui collaboravo nell’organizzare mostre a Milano: quasi non lo riconscevo, vestito in un mix di Hare Krishna e personaggio dei Dragon Ball.

Due chiacchiere, che fai, che non fai… Alla fine scopro che per la crisi, ha abbandonato il mondo dell’arte, inventandosi counselor ed esperto di meditazione orientale. Mi gratto la testa

“Non sapevo che fossi esperto di queste cose”

“Manco io, ma nella vita bisogna adattarsi, altrimenti si muore di fame”.

Non lo critico, in una situazione analoga, per accoppiare pranzo e cena, forse mi sarei improvvisato in cose più strane, però quella chiacchierata mi ha fatto riflettere, su come è cambiato anche il mio rapporto con l’Arte.

Molti, usciti dal mondo delle mostre e delle gallerie, ne dicono peste e corna: non è il mio caso. Io ci sono cresciuto, forse male, e ho apprezzato la fatica e l’impegno di chi fa sul serio il gallerista e il curatore. E’ un mestiere difficile, complicato, in cui si sputa sangue e in cui tutto il lavoro di mesi può essere vanificato dal caso o da un capriccio.

Un mestiere dove spesso si ha che fare con bambini troppo cresciuti e pieni di bizze e paturnie, come sono certi artisti. Insomma, una cosa non facile e stressante, in cui le grandi soddisfazioni sono figlie di grandi sacrifici. Chi dice il contrario, è un bugiardo…

Un mondo che, per i miei limiti caratteriali, non mi dava più stimoli: ammiro con tutto il cuore chi, invece, riesce a fare il contrario

Così ho scelto una strana differente, diventando, lo dico per scherzo, un curatore di strada, che si limita ad applicare il precetto di Voltaire

il faut cultiver notre jardin

Seminare un poco di Arte nella Vita, distribuendo la bellezza nelle piccole cose che mi circondano, con un poco di scetticismo e ironia sul fatto che i propri sforzi portino frutti.. Forse è poco, ma è ciò che mi rende felice.

Annunci

One thought on “Il faut cultiver notre jardin

  1. Pingback: La Banda della Tartina | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...