Le Ville Esquiline raccontate da Carmelo G. Severino

villa-altieri-1

La vecchia città, col suo indescrivibile fascino e la sua quasi opprimente massa di memorie storiche e tradizionali, si sta vanificando sotto i nostri occhi ed una nuova capitale, sul tipo di Livorno con larghi viali, chioschi e fontane, sta sorgendo sulle rovine della vecchia. Menzionerò solo un capitolo di questi annali di distruzione: la perdita della squisita corona di ville e giardini che circondava la città e la rendeva nel mondo quasi unica nel suo genere

E’ un brano del grande archeologo Rodolfo Lanciani che racconta i cambiamenti subiti da Roma dopo l’Unità d’Italia, cambiamenti che cambiarono anche il volto del rione Esquilino, trasformandola da area suburbana, piena di vigne e giardini, ben descritti nella pianta del Nolli del 1732, a zona ad alta urbanizzazione.

Per comprendere quell’atmosfera e tornare indietro nel tempo Noi di Esquilino e Il cielo sopra Esquilino hanno organizzato una conferenza che si terrà lunedì 19 dicembre, dalle ore 18.00 in poi, presso Libreria Pagina 2 – Ex-Orientalia, sita in Via Cairoli 63, 00185 Roma, , dal titolo

“Le Ville Esquiline raccontate da Carmelo G. Severino”

in cui il buon Carmelo, architetto ed urbanista, già dirigente del Comune di Roma e docente di “Storia della città e del territorio” nel corso di laurea in Architettura dei Giardini e Paesaggistica alla Sapienza, racconterà l’Esquilino in cui avrebbero potuto passeggiare i protagonisti de Il Canto Oscuro.

Un Esquilino in cui vi erano ville parzialmente sopravvissute, come Villa Altieri, che ha perduto i suoi grandi giardini che comprendevano un bellissimo labirinto circolare, con un altissimo pino al centro, Villa Astalli e il Casino Massimo-Giustiniani, con i suoi affreschi nazareni, e le ville distrutte, come il Giardino Caetani, che sorgeva sugli antichi horti maecenatis e in cui vi era un orto botanico noto in tutta Europa, Villa Magnani nel cui giardino spiccava il Tempio di Minerva, Villa Montalto Perretti opera di Domenico Fontana, sita dove adesso si trova la Stazione Termini, la Villa Palombara con la Porta Magica e Villa Conti, accanto a Santa Croce in Gerusalemme…

Annunci

One thought on “Le Ville Esquiline raccontate da Carmelo G. Severino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...