Il filtro della Singolarità

gobekli

Ieri, commentando le mie riflessioni su l’Evoluzioni dei Miti, il buon Marco Moretti ha così scritto

Possiamo partire da miti ben attestati e ricostruirne le trasformazioni nei secoli. In molti casi si ha rapporto di filiazione memetica diretta (l’equivalente della filiazione genetica degli organismi). Così possiamo esser certi che tutti i Germani attingevano a un patrimonio comune, apportandovi modifiche e arricchendolo, ma continuando i motivi ereditati. Più si va indietro, più è difficile trarre qualcosa di utile dal rumore di fondo

Sono d’accordo con lui: per di più, ritengo uno sforzo vano cercare di ricostruire l’universo spirituale e culturale delle popolazioni paleolitiche. Ciò che ce le rende aliene, è la presenza di quella che è forse la prima Singolarità della Storia, l’invenzione dell’agricoltura, che cambiando in profondità la struttura economica della Società, ne ha ridefinito totalmente anche la Sovrastruttura

Di fatto la Singolarità è un filtro bidirezionale: non solo impedisce di comprendere come potrà essere il Futuro, ma rende incompleta la piena conoscenza e consapevolezza del Passato. Anche l’approccio comparativo, basato sullo studio delle attuali popolazioni di raccoglitori e cacciatori, non è di grande utilità.

Il campione usato di solito, le popolazioni di cacciatori e raccoglitori attuali, non può essere indicativo. Per esempio, le attuali culture delle popoli Twa e San,non sono originarie della Preistoria, ma sono il frutto di secoli di pressione demografica dei bantù, che li hanno confinati in aree marginali come la foresta e il deserto, ben poco rappresentative dell’ecosistema in cui vivevano i cacciatori dell’Epipaleolitico.

Al contempo, popolazioni che hanno vissuto in condizioni simili a quelli degli antichi europei, penso alle confederazioni tribali indiane, hanno sviluppato una cultura assai più complessa e piena di conflittualità, interna ed esterna, dei Twa, dei San, degli Indios amazzonici e degli aborigeni australiani,

Göbekli Tepe può essere considerato frutto di un’economia basata sulla sussistenza…

Annunci

2 thoughts on “Il filtro della Singolarità

  1. Pingback: Marxismo 2.0 | ilcantooscuro

  2. Pingback: Urheimat | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...