L’etica degli esploratori dello spazio profondo

Il tredicesimo cavaliere 2.0

Con questo saggio, Michael Michaud prende in esame le sonde interstellari e il loro possibile utilizzo e si chiede quale effetto potrebbe avere una nostra missione esplorativa sugli ipotetici abitanti di un altro sistema stellare. Non solo: quale effetto potrebbe avere sui di noi, tenendo conto delle problematiche etiche e ponderando il potenziale – e i pericoli – dell’invio nella galassia di artefatti dotati di una inteligenza artificiale altamente sviluppata? Michaud è l’autore dell’indispensabile opera “Contact with Alien Civilizations: Our Hopes and Fears about Encountering Extraterrestrials”  (Springer, 2007). Molti dei suoi numerosi lavori riguardano l’esplorazione spaziale. Per 32 anni è stato ufficiale dei servizi esteri degli Stati Uniti, in qualità di consulente per scienza, tecnologia e ambiente presso le ambasciate statunitensi di Parigi e Tokyo, oltre che direttore dell’Ufficio Tecnologia Avanzata del Dipartimento di Stato. È stato inoltre presidente dei gruppi di lavoro sulle tematiche del SETI presso…

View original post 1.937 altre parole

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...