L’altra Cape Town, nel ventre profondo delle township

In cammino

Non solo surf, natura lussureggiante, ristoranti alla moda e safari in riserve naturali fuori porta. Cape Town è anche township, l’altro volto della città, quello dove l’apartheid ha lasciato ferite profonde, dove gli scontri politici erano più esacerbati, dove per anni non ci sono state nè acqua potabile nè corrente elettrica.
Nelle township vivono solo neri. Sono considerati decisamente off limits i visitatori di passaggio, a maggior ragione se si tratta di turisti con la pelle bianca. Se vuoi entrare in una township, occorre preventivamente avvisare, se non addirittura farsi accompagnare da gente del posto.

20170226_111547Eppure, da qualche anno nelle township si organizzano visite guidate. Non è un modo per esporre la miseria di gente che vive ancora in container o baracche fatiscenti fatte di lamiera, ma piuttosto è un modo per far comprendere le conseguenze dell’apartheid, per far girare un po’ l’economia di posti in un cui c’è un…

View original post 1.341 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...