Chi s’ è arrubbata ‘a monnezza de Roma ? (Epilogo)

Epilogo 

Passarono un paio di giorni, credo.  Questa volta, non avevo né bevuto, né bisbocciato. Anzi, stanco per una giornata folle al lavoro, con l’acqua alla gola per rispondere a un bando gara, avevo comprato da Radici, il locale salentino a via Emanuele Filiberto, una porzione di riso patate e cozze a portare via e una burrata. Le avevo mangiate, buttando le confezioni nella pattumiera, tanto sarebbero scomparse, se poi per merito dei mazzamurelli o per qualsiasi altro motivo,  era un altro paio di maniche, e poi subito a letto.

Mentre armeggiavo per la cucina, per preparare il caffè e capire dove fossero finiti gli ultimi osvego, ebbi la sensazione che qualcosa non andasse. Mi girai verso la pattumiera. Era piena. Sospirai. Non avevo sognato tutto…  E in qualche modo, Baillardo ce l’aveva fatta.

Il silenzio fu interrotto dal suono di un canto, proveniente da migliaia e migliaia di voci.

Compagni avanti, il gran Partito

noi siamo dei lavoratori.

Rosso un fiore in petto c’è fiorito

una fede ci è nata in cuor.

Corsi alla finestra del salone. Per viale Manzoni e via Principe Eugenio, marciava una folla sterminata di mazzamurelli,  alzando il pugno chiuso verso il cielo e cantando l’Internazionale.  Molti portavano bandiere rosse, ritratti di Marx e striscioni di ogni dimensione e colore.

Su alcuni d questi era scritto La proprietà è un furto, Proletari di tutto il mondo unitevi , Potere a chi lavora, ma,  sulla maggior parte, spiccava un Sindaca caccia li sordi

Così fu il mio turno, di scoppiare a ridere senza ritegno.

Anche nella mia famiglia abbondano anarchici e marxisti, nonno Ottavio se la passò brutta con i fascisti e ho persino un cugino che ha fondato un suo personale partito comunista, non sono mai stato interessato alla politica attiva: in compenso, mi ha sempre affascinato l’estetica delle grandi manifestazioni…

Uno dei ricordi che ho da bambino, sono le manifestazioni del 77, che percorrevano Viale Manzoni, con tante bandiere e slogan ritmati

Probabilmente avrà avuto ragione Ionesco, saranno diventati tutti notai, ma quella massa di persone ha colpito il mio immaginario: per cui, mi sono divertito a rendere loro omaggio, sperando che vi siate divertiti a leggere questo racconto, tanto quanto io mi sono divertito a scriverlo..

Annunci

One thought on “Chi s’ è arrubbata ‘a monnezza de Roma ? (Epilogo)

  1. Pingback: Chi s’ è arrubbata ‘a monnezza de Roma ? (Parte IV) | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...