Celebrando il Bene Comune

 

In questi giorni, all’Esquilino infuria la polemica sul fatto che i frequentatori della moschea di Piazza Cimbra, i vicini di casa di Sant’Eusebio, per capirci, data la sua chiusura per problemi, come dire, statici, non avendo più un tetto sopra le testa, hanno chiesto il permesso di tenere la preghiere del venerdì sui marciapiedi di Piazza Vittorio.

Discussione che ha raggiunto livelli sublimi, quando qualcuno, dopo la diatriba

“Perché le processioni sì e loro no”

se ne è uscito con un

“Loro no, perché Roma è stata fondata dai cristiani, mica dai maomettani”.

Ora, premesso che trovo paradossale e anche ridicolo che chi abbia sollevato la polemica, noto infiocchettatore di alberi per celebrare a modo suo i Saturnalia, critichi uno si inginocchia in direzione della Mecca, ritengo, come Burke, come ognuno sia libero di seguire la sua strada, per finire all’Inferno, senza rompere le scatole a chi percorre un sentiero differente; in più, concepisco la Piazza come uno spazio vivo, in cui si può incontrare, dialogare, danzare, giocare e quando capita, anche pregare, piuttosto che un museo silenzioso e morto.

Per cui, viva le preghiere, le processioni, i raduni steampunk, i balli in piazza e chi più ne ha ne metta… Per questo, nonostante l’emergenza sanitaria a casa Brugnoli, sono stato felice di scendere in piazza, con le Danze di Piazza Vittorio, in una sorta di inaugurazione della stagione all’aprto, per partecipare al Good Deeds Day 2018, non solo l’occasione per riappropriarsi e dare vita a uno spazio urbano spesso abbandonato a se stesso, ma anche per celebrare l’impegno delle tante associazioni di volontariato che ogni giorno sono in prima linea per costruire ponti e spazi di dialogo.

Proprio perché conosco il loro lavoro e le difficoltà che affrontano, mi sono rotto alquanto le scatole di quella marmaglia di leoni da tastiera, pronti sempre a lamentarsi del Rione e a non far nulla per renderlo migliore, rivendico il diritto dovere di sbeffeggiarli e di prenderli a male parole, quando esagerano con i loro malmostosi giudizi qualunquisti

 

Detto questo, lascio la parola alla musica. Al Circolo Circasso, che è perfetta metafora della musica e danza di fondere mondi differenti: di incerta origine, chi parla della Scozia, chi della Sicilia, chi del Northumberland, qualcuno racconta addirittura come le truppe inglesi sul fronte russo -durante la Guerra Mondiale – ebbero modo di vedere questa danza eseguita dai loro commilitoni canadesi, e la riportarono con sé in patria, divulgandola, però in ogni modo ti da sempre l’occasione di conoscere nuove persone

 

A Giacomo che esplora le sue radici

 

Per terminare con la Madonna delle Grazie, lu sunu da ballu, che celebra l’antico legame tra l’Uomo e la Terra

 

Per quanto possa essere diversa la nostra storia lingua e religione, camminiamo tutti sullo stesso suolo e condividiamo lo stesso cielo… Dobbiamo imparare anche a condividere lo stesso orizzonte

 

E questo può avvenire, nonostante i brontoloni del Rione, anche tramite l’Arte: un esempio è nell’intervento di Leonella Masella, con cui Le Danze di Piazza Vittorio hanno collaborato in passato, nel Mercato Esquilino

 

Ora, come Danze non possiamo che applaudirlo, perché, anche se promosso da altri, è un tassello del nostro progetto di rendere il Mercato che, con tutti i suoi problemi, è uno specchio della Roma che verrà, uno dei poli artistici e culturali del Rione, capace di innestare un circolo virtuoso per promuovere la riqualificazione della zona, a torto considerata meno “pregiata” dell’Esquilino, e considerarlo uno stimolo per le nostre iniziative future

Annunci

One thought on “Celebrando il Bene Comune

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...