Sedersi dalla parte del torto

img_5138_0

Tomaso Montanari è senza dubbio uomo di indubbie virtù: l’impegno quotidiano lo ha reso un uomo di ampia erudizione e il Fato è stato con lui assai benevolo, regalandogli un bel visino, una scrittura vivace e piacevole, la giusta attitudine tribunizia, la capacità di vendersi bene, di scegliere le buone frequentazioni e di evitare come la peste quello che Brecht definiva il sedersi dalla parte del torto.

Il fatto che sia un’indiscussa autorità nel campo dell’arte barocca e che abbia una buona cultura, superiore a quella dell’italiano medio, ma in fondo non è che questa sia una così notevole impresa, lo fa indurre nel vizio tipico dei nostri intellettuale, ossia esprimere con fare pontificale il suo parere su ogni aspetto dello scibile umano, anche su quelli su cui la competenza è assai vaga e superficiale.

Il che in fondo, non è gran colpa: anche il sottoscritto, in fondo, ha la stessa pessima abitudine; il problema è Montanari associa il suo desiderio di sentenziare sulla Vita, l’Universo e tutto quanto, con una speciosa tendenza ai paralogismi, degna del don Ferrante di manzoniana memoria, e una serie di posizioni che sarebbero parse retrograde e fuori moda ai tempi del buon Ruskin.

Il buon Montanari è convinto che la Storia dell’Arte sia un cimitero di monadi autistiche, per cui vede il dialogo tra Passato e Presente, tra Arte e Vita come un reato di natura penale. Che i centri storici non siano realtà vive, costruite ogni giorni dalle scelte, dai sogni e dalle utopie di chi vi abita, ma dei cadaveri imbalsamati, da far contemplare, dopo il pagamento di un opportuno obolo, a qualche ricco radical chic.

Che la Bellezza e la Cultura siano conoscenze esoteriche, da condividere tra pochi eletti e guai a involgarirle, facendole godere all’uomo comune.

E tutte queste posizioni hanno fatto capolino nella vicenda di Santa Bibiana: per chi non la conoscesse, ecco un breve riassunto.

Nell’agosto del 2017, visto che a breve ci sarebbe stata alla Galleria Borghese una mostra sul Bernini, la statua della Santa, una delle prime opere dell’artista, posta nell’omonima chiesa dell’Esquilino dopo decenni di abbandono, viene restaurata, per poi essere esposta, sino allo scorso 4 febbraio, nel museo romano.

Nel riportarla nella sua sede abituale, avvengono una serie di incidenti, degni di Fantozzi e Filini, non solo viene rotto un dito della statua, ma pare sia stata lesionata anche una delle colonne bizantine della chiesa. Grazie a Dio, entrambe sono state restaurate in tempi da recordo.

Ora Montanari avrebbe potuto, al netto della legge di Murphy, criticare con numerosi esempi e fondate argomentazione il fatto che le Sovraintendenze preferiscano, per risparmiare, affidare i lavori a ditte forse non adeguate: ma questo tema ahimé non è stato ritenuto degno di attenzione e capace di colpire la fantasia dei lettori di Repubblica.

Si è invece concentrato sulla sua solita antipatia per le mostre, visto che il popolo bue dovrebbe rimanere ignorante e non dovrebbe avere l’occasione di conoscere e apprezzare opere che di solito sfuggono alla sua attenzione.

Il fatto che la Santa Bibiana, per citare Gennaro Berger

è stata vista molto di più alla Galleria Borghese che negli ultimi 100 anni nella sua chiesa nascosta e oltraggiata da rotaie ed incuria

e che questa operazione culturale, se ben gestita, potrebbe essere un volano per rilanciare dei progetti di recupero per un’area negletta dell’Esquilino, a lui poco importa.

E’ solo l’occasione per indignarsi bevendo drink in qualche salotto, in attesa di scrivere il prossimo articolo, pieno di sagace e finta indignazione…

Annunci

One thought on “Sedersi dalla parte del torto

  1. Pingback: Il dito e la Santa (Bibiana) ora anche sul New York Times | Esquilino's Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...