Übermensch

41uli75HOyL

Con parecchio ritardo, a causa del periodo squinternato che sto vivendo, do visibilità a un articolo su tom’s Hardware, dedicato ai consigli di lettura sui libri di fantascienza da leggere nel 2019.

Lista in cui ci sono parecchi classici e in cui spicca Übermensch del buon Davide del Popolo Riolo, libro che è un qualcosa di più di un what if basato sulla diversa località di atterraggio di una certa navicella proveniente da Kripton. E’ un fondo un viaggio, complesso, nei contorti meandri della psiche umana, in un contesto distopico che ne accentua sia la grandezza, sia la meschinità e un interrogarsi sulla noia e sulla solitudine degli Dei.

Cosa, che sotto molti aspetti, avvicina il romanzo alle tematiche espresse da Alan Moore, prima che fingesse di essere uscito fuori di testa, in Watchmen, piuttosto che in normale fumetto dedicato all’essere che si maschera da Clark Kent, perchè sul tema la penso sempre come un certo Bill

Dunque, l’elemento fondamentale della filosofia dei supereroi è che abbiamo un supereroe e il suo alter-ego: Batman è di fatto Bruce Wayne, l’Uomo Ragno è di fatto Peter Parker. Quando quel personaggio si sveglia al mattino è Peter Parker, deve mettersi un costume per diventare l’Uomo Ragno. Ed è questa caratteristica che fa di Superman l’unico nel suo genere: Superman non diventa Superman, Superman è nato Superman; quando Superman si sveglia al mattino è Superman, il suo alter-ego è Clark Kent. Quella tuta con la grande “S” rossa è la coperta che lo avvolgeva da bambino quando i Kent lo trovarono, sono quelli i suoi vestiti; quello che indossa come Kent, gli occhiali, l’abito da lavoro, quello è il suo costume, è il costume che Superman indossa per mimetizzarsi tra noi. Clark Kent è il modo in cui Superman ci vede. E quali sono le caratteristiche di Clark Kent? È debole, non crede in se stesso ed è un vigliacco. Clark Kent rappresenta la critica di Superman alla razza umana.

E sospetto che nel suo romanzo, il buon Davide abbia realizzato l’apoteosi di tale concetto… Qui mi fermo, perché sapete che sono di parte, data la nostra amicizia.

Due cose però, concedetemele, al termine di tale sproloquio concedetemi due piccole cose: la prima, la mia ammirazione nei suoi confronti, per sapere trattare in maniera eccelsa temi complessi, spaziando tra sottogeneri assai diversi.

La seconda, i complimenti a Silvio Sosio per l’energia e impegno che dedica alla Fantascienza Italiana e il suo fiuto nell’identicare i talenti nella scrittura: per prenderlo amichevolmente in giro, lo potrei paragonare a Campbell, ma di certo rischierei qualche suo pernacchione…

Però, senza Silvio, il mio portafoglio sarebbe di certo più pieno, ma il mio Animo, privato dei suoi sogni, sarebbe assai più vuoto e arido.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...