L’influenza di Sven Hassel

Qualche giorno fa ho citato Sven Hassel: se quello che ha vissuto è vero, allora non lo invidio proprio. Se invece si è inventato tutto, tanto di cappello a un grande narratore.

Vorrei avere io la sua immaginazione e la sua capacità di descrivere la follia insensata della guerra.

Hassel, però è il grande dimenticato del nostro immaginario: essendo, grazie al cielo, una società pacifica, almeno di nome, dato che sfoghiamo in maniera non strutturata la pulsione alla violenza contenuta in ogni Uomo, nascondiamo nel dimenticatoio colui che ha cantato il nostro lato oscuro

Però, molti hanno omaggiato o scopiazzato le sue opere. Cito a volo due esempi

Turtledove, nel Ciclo dell’Oscurità, prende brani e personaggi dei libri di Hassel e senza troppa fatica li declina in chiave fantasy.

Su un altro piano, si pone il grande Bonvi con le sue Sturmtruppen qualcosa di più di un fumetto antimilitarista.

E’ la protesta contro i soprusi, le ipocrisie e follie su cui si fonda la nostra società.

I due irsuti veterani del 27° Battaglionen Corazzaten e il capitanen ubriaconen, eroico, alcolizzato, esperto combattente, folle e sensato nello stesso tempo, ribelle alla catena gerarchica, retrocesso da colonnello perchè “era ein birikinen”, sono figli dei romanzi di Hassel.

Icone dello spirito anarchico e irrevente che mostra il Nulla nascosto dietro alle forme, che ci permette di sopravvive alle follie del nostro quotidiano

Per i prussiani nulla è impossibile

« Per Dio e per i prussiani, non vi è nulla di impossibile! » dice sempre Porta. E del resto nel regolamento la parola impossibile » non figura nemmeno. Si perde una guerra e si pensa subito di vincere la prossima, e questo a tutti i livelli, dai membri delle commissioni dello stato maggiore fino ai tavoli dei clienti delle taverne di Amburgo. Una conversazione tra prussiani verte sempre intorno a una guerra che bisogna assolutamente vincere, e la Germania fino a oggi non ha mai potuto esistere e sopravvivere senza una guerra. È una tradizione.

E’ un brano di Sven Hassel, gran narratore di guerra o gran pallista, fate voi, che rende bene l’animo tedesco… E per quanto possa mal digerire le loro guerre economiche, preferisco di fran lunga queste a quelle combattute con le pallottole