Il cumino della fantascienza

Sempre sul gruppo di fantascienza, è scoppiato un dibattito legato a un intervento a prima vista banale

Domandone: è davvero necessario avere una buona base di scienze per scrivere o godere della lettura fantascientifica?

Mi verrebbere da rispondere con una battuta: le scienze, nella narrativa fantastica è come il cumino quando cucino il pesce

Se non c’è e sono bravo, il piatto viene bene lo stesso: un pizzico da sapore al tutto, il troppo stroppia.

Il centro della fantascienza non è nel riempire la pagina di paroloni tratti da manuali di fisica, ma nel sezionare il Presente, individuare i suoi problemi e le sue contraddizioni, proiettarli in un mondo contingente.

La conoscenza scientifica può aiutare a far questo, ma certo non è determinante a far riflettere il lettore su se stessi e sul Reale.

Si scrive per essere letti, per comunicare qualcosa, non per mostrare la propria compenza su formule ed equazioni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...