Basilica di San Marco sull’Ardeatina

Il 20 settembre 1991, per un puro caso, l’erba medica, piantata per la prima volta su un terreno, rilevò, crescendo bassa i contorni di un edificio nei pressi della Catacomba di San Callisto, specificatamente sopra le cosiddette catacombe di Balbina.

Dalle prime indagini archeologiche, saltò fuori una basilica circiforme sconosciuta. Però, a differenza di quella sulla Prenestina, vi erano delle fonti che permettevano la sua identificazione.

L’altra era fuori della città, tra Appia e Ardeatina e doveva fungere come basilica cimiteriale. Il papa ottenne in dono dall’Imperatore Costantino terre ed arredi liturgici per ambedue le basiliche.

Fu facile fare uno più uno. Identificazione che permise anche di confermare l’attribuzione delle catacombe sottostanti a Balbina.

Infatti sia la Depositio episcoporum, l’elenco dei vescovi di Roma, contenuto nel cronografo del 354, un calendario illustrato di quell’anno, opera del calligrafo Furio Dionisio Filocalo per aristocratico romano di fede cristiana di nome Valentino, sia l’Index coemeteriorum vetus, una specie di catalogo ragionato della catacombe romane, parlano di un cymiterium Balbinae ad sanctum Marcum.

Cos’è che differenzia questa basilica dalle altre ? Il fatto che è la prima di fondazione papale, non imperiale. Il luogo non fu scelto in un funzione di una logica simbolica, definizione del nuovo pomerium, o economica, presenza di ville o palazzi dei Secondi Flavi, ma per una banale devozione privata essendo nei pressi di un’altra catacomba, dedicata ai Santi Martiri Marco e Marcelliniano, di cui, per ovvi motivi, il Papa era legato.

In più, l’opera non doveva celebrare la potenza della famiglia imperiale, ma essere utile all’ecclesia: quindi l’area ha avuto un utilizzo cimiteriale più esteso rispetto ai complessi di Costantino

Inoltre vi è la questione di dove è stato sepolto il Papa. Dagli scavi appare come alla basilica fossero addossato cinque mausolei, non a pianta circolare, ma edifici rettangolari a dotati di abside. Il che fa escludere la presenza di membri della famiglia imperiale…

Al contempo, al centro dell’abside, si trova una camera lunga metri 2,70, larga metri 1,40 e profonda circa 3 metri, coperta con volta a botte, che ospitava un sarcofago di marmo liscio, chiuso con coperchio a doppio spiovente.

Il papa era sepolto nei mausolei, magari assieme ai membri della sua famiglia, imitando i Secondi Flavi ? Oppure nella chiesa che aveva fatto costruire, come primo a beneficiare della protezione dei martiri ?

Un pensiero su “Basilica di San Marco sull’Ardeatina

  1. Pingback: Il Complesso Callistiano (Parte I) | ilcantooscuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...